2019-06-06T18:50:12.000Z

Living in a GDPR world, part 2. Dalla newsletter eccezionale di Carola Frediani che vi consiglio caldamente.

“Questa è una piccola storia ma emblematica di come il controllo sui nostri dati sia saldo come quello su una saponetta bagnata. Con conseguenze imprevedibili. In sintesi: giornalista investigativa si reca in un Paese africano per lavoro, compra una sim del posto e fa alcune chiamate a possibili fonti, cercando di prendere tutte le misure possibili per rimanere under the radar, sotto traccia. Poi ordina un taxi col telefono e il tassista la saluta con un: “buongiorno giornalista dell’Inquirer”. Perché?? Perché una sua fonte usava una app, Truecaller, che prova a identificare i numeri che ti chiamano e che non sono in rubrica, in modo da filtrare chiamate indesiderate. Quando un numero non è già identificato, all’utente di Truecaller che ha ricevuto la chiamata viene chiesto di taggarlo, di identificarlo. E così, forse senza rendersi conto delle conseguenze, aveva fatto la sua fonte, etichettando il numero della giornalista nel database della app che altri, che chiunque può usare.”

Alla newsletter ci si iscrive qui: Link: Guerre di Rete by carolafrediani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.