“il filo di Arianna della vita”

Scorro sulla punta delle dita le parole
di una filastrocca antica di mia madre
una collana di perle preziose
venuta da un paese lontano

Vedi in fondo com’è facile dimenticare
perdere il filo di Arianna della vita
quando la notte senza far fatica
viene a prendersi le parole più belle

La stoffa si consuma
le tinte se ne vanno
ai sogni ed ai ricordi
rimangono i colori che vogliamo

Disperatamente noi vorremmo poter fissare
poter fermare i sogni e le persone
– un grande amore o quello che ci pare –
ogni attimo fotografare

Ma nel fuggifuggi delle ore e dei minuti
e dei secondi non serve indietreggiare
e tutto scorre e non si può fermare
e i cimeli si riempiono di polvere
di polvere…

La stoffa si consuma
le tinte se ne vanno
ai sogni ed ai ricordi
rimangono i colori che vogliamo

Meglio senza troppi oggetti ricordare
come le parole di questa canzone
che dura grossomodo tre minuti
e contiene una vita intera

Ora ho qualche ruga sulla faccia da scontare
qualche anno in meno da passare
e questa filastrocca è sempre uguale
se la metti sulla punta della lingua

non te la puoi scordare

#lunedìfeels

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.