2019-07-30T06:56:21.000Z

Finora i Tool hanno funzionato così: pubblicavano un singolo a sorpresa, poi un album super-atteso e stracolmo di riferimenti esoterici, significati nascosti, simboli, sottintesi. Nessun testo nel libretto, siti interi (e fanzine) creati dai fan che provavano a comprendere i testi delle canzoni e si confrontavano sui significati.

L’ultimo album però è uscito nel 2006, pre-social-network, in un’epoca nella quale si poteva ancora mantenere in qualche modo un segreto, in cui non c’era Genius a indovinare i testi di una canzone con l’intelligenza artificiale. Come faranno a mantenere la stessa dinamica di un tempo nel 2019? Proveranno a farlo? Link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.