2019-11-06T16:51:20.000Z

“Ricoverato in ospedale, i medici lo hanno aiutato a espellere le pile, ma il detenuto si è opposto alla rimozione dei punti da labbra e palpebre ed è stato riaccompagnato in cella con i punti ancora intatti.

Non è la prima volta che la disperazione per il rimpatrio porta a gesti simili. Nel gennaio 2018 un gruppo di tunisini si era cucito le labbra a Lampedusa per protestare contro il rientro forzato in Tunisia.”

Link: Ancona, la protesta disperata di un detenuto tunisino contro l’espulsione: si è cucito labbra e palpebre – Open

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.