Segno di felicità

In una lettera a Lucilio nel 65 dopo Cristo, Seneca si giustifica per il ritardo nella risposta invitando l’amico a non pensare che egli fosse preso da mille impegni.

Guàrdati bene dal credere a una simile scusa: il tempo ce l’ho e ce l’hanno tutti, basta volerlo. Gli impegni non inseguono nessuno: sono gli uomini ad abbracciarli e a ritenerli un segno di felicità.

Lucio Anneo Seneca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.