June 29, 2018 at 05:49PM

Luca Carboni è un caso strano. La sua hit più famosa – Mare Mare – è di VENTISEI anni fa, dal vivo è semplicemente inascoltabile e non ricorda nemmeno le parole delle proprie canzoni, che comunque non sa cantare.

Eppure se ascolti le canzoni di Calcutta, di Brunori, di tutta questa leva di cantautori e gruppi indie postmoderni, senti gli echi di Carboni. Li senti così chiari che nel nuovo singolo dello Stato Sociale l’hanno pure invitato, Carboni, e mentre ascolti la canzone non capisci se sia un singolo di Carboni con un featuring dello Stato sociale o viceversa. Nel mentre esce il nuovo album di Carboni, senti il singolo e pare Calcutta. Poi guardi i credits e scopri che una delle canzoni del disco gliel’ha scritta Calcutta per davvero, altre invece le ha scritte con Dario Faini che è autore di più o meno tutti gli autori contemporanei del pop.

Va a finire che i due superstiti più influenti del pop degli anni novanta sono stati J-Ax e Luca Carboni. WTF. Link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.