Keith Jarrett – Vienna concert

In questi ultimi tempi sto riascoltando molto Keith Jarrett.

Tutto è partito da quando ho trovato, ad un mercatino del disco, Tokyo ’96 in trio e La scala, per pianoforte solo, a 5 euro l’uno. Non potevo certo lasciarli lì e così, in queste serate da ex-studente in attesa, ho trovato il tempo di ascoltarli.

La registrazione della Scala è qualcosa di molto diverso dal Koln Concert, la mia unica conoscenza precedente del Jarrett solista. Ci sono sì i lunghi momenti melodici, che scorrono da soli, ma c’è anche avanguardia, jazz più puro, momenti di tensione voluti e cercati. Non sono però un musicista, e non capisco granché di scale toniche e non toniche, quindi ho cercato di documentarmi in internet per capire un po’ meglio di queste improvvisazioni.

Così, su Debaser, sono venuto a conoscenza del concerto di Vienna, da Jarrett stesso considerato il migliore della sua carriera.

Che dire? Per usare le sue stesse parole: “ho corteggiato il fuoco per molto tempo, e molte scintille sono volate in passato, ma la musica in questo disco parla, finalmente, il linguaggio della fiamma stessa”

Non mi era mai capitato di commuovermi ascoltando un concerto di piano solo. Qui, invece, dopo venti minuti di continue e geniali invenzioni armoniche, mi sono trovato col groppo alla gola. Si sente la tensione della performance, dell’improvvisazione, ma anche un rilassamento dettato da uno stream of consciousness di creatività. La prima parte è sciolta, come una nave in acque placide. La seconda invece è tempesta, un groviglio di note che a fatica riesco a realizzare che non sono composte, scritte e ripetute, ma ispirate e lasciate andare. La parte finale non me la ricordo, ero ormai in trance. Dovrò riascoltarla, però mi era piaciuta. Forse meno geniale della prima, sicuramente meno turbolenta della seconda.

Un disco che consiglierei a chiunque, a priori, in qualsiasi momento. Musica terapeutica, che tocca le corde più intime dell’anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.