Pensiero paterno #4

Nasciamo percussionisti.

I bambini ricavano dal suono la certezza che l’azione compiuta ha avuto una conseguenza e quindi – inevitabilmente – agiscono in modo sonoro. Sbattono le cose, le agitano, le infilano rumorosamente una nell’altra. Emettere un suono diventa quindi un fine proprio perché è il feedback immediato di un’azione che ha avuto successo, ha avuto una conseguenza nel mondo.

Chissà cosa ci succede poi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.