Priorità

Domenica a Ferrara un medico di MSF ha detto: “I migranti sono la crema dell’umanità, perché sono persone che rischiano la propria vita per dare un futuro migliore ai propri figli”. Ha ragione.

Ci sono persone che hanno percorso ANNI di strada per arrivare sulle coste libiche – persone stanche ed economicamente distrutte, violentate o torturate – e semplicemente meritano di poter finire il proprio viaggio. Ci sono 20 miglia di mare che separano le coste libiche dalle navi che soccorrono i migranti, ed in queste 20 miglia si verificano naufragi disastrosi oppure le condizioni sono talmente terribili da causare ustioni da benzina o soffocamento e molte persone muoiono.
Non è ovviamente tollerabile, umanamente non lo è.

Le soluzioni per i problemi che causano le migrazioni sono tante – una per ciascuna causa – e vanno tutte cercate e messe in atto. Prima di allora però c’è una cosa da fare: creare dei corridoi umanitari e andare a prendere in Libia e in Egitto queste persone, che sono centinaia di migliaia a fronte di un continente come l’Europa popolato da centinaia di milioni, andarle a prendere e portarle in salvo da noi. Dare una conclusione al loro viaggio, prima che siano troppo stanche e distrutte e traumatizzate per poter ricominciare una vita degna qui o altrove.

Tutto il resto è accademia, anche se comunque vale la pena discuterne. L’unica vera urgenza però è questa: salvare chi è già partito, concludere il loro viaggio. Se lo meritano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.