sabir

Padri di noi,
ki star in syelo,
noi voliri ki nomi di ti star saluti.
Noi volir ki il paisi di ti star kon noi,
i ki ti lasar ki tuto il populo fazer volo di ti na tera,
syemi syemi ki nel syelo.
Dar noi sempri pani di noi di cada jorno,
i skuzar per noi li kulpa di noi,
syemi syemi ki noi skuzar kwesto populo ki fazer kulpa a noi.
Non lasar noi tenir katibo pensyeri, ma tradir per noi di malu.
Amen.

Il padre nostro recitato Il Sabir, lingua franca dei porti del mediterraneo, mescolanza di vari idiomi come il genovese, lo spagnolo, il veneziano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.