Smell the sharks

Il nuovo singolo di Roger Waters è il più incredibile esempio di auto-plagio di cui abbia memoria: giro di basso rubato esplicitamente da Have a cigar, inserti clonati da Pigs, intermezzo preso da Dogs, pianola di sottofondo (quella è proprio una pianola) Wishyouwereheriana. Uno scopiazzamento dal se-stesso-del-passato che si perdonerebbe a un Neil Young che sforna due dischi all’anno ma amareggia se viene da un artista come Waters che pubblica un album ogni quindici anni in media.

La cosa più triste forse è il fatto che mettendo insieme rimandi di alcuni di album creativi del passato comunque non ne esca una buona canzone. Non c’è un vero ritornello, un refrain memorabile, un momento che rimanga in testa. Il testo è una maledizione della guerra e dell’industria delle armi ma anch’esso sta diverse spanne sotto ad altri testi dello stesso Ruggerone.

Ed è un peccato. Ormai le idee, il senso critico e il buon gusto hanno abbandonato anche Cavallone.

Segue il testo, se volete fare karaoke.

There’s a mad dog pulling at his chain
A hint of danger in his eye
Alarm bells raging around his brain
And the chimneys ??? in the sky
Wake up, wake up and smell the roses
Close your eyes and pray this wind don’t change
Because not much screams in the field of dreams
Nothing but hope at the end of the rope
Nothing but gold in the chimney smoke
Come on honey it’s real money

This is the room where they make the explosives
Where they put your name on the bomb
Here’s where they bury the buts and the ifs
And scratch out words like right and wrong
Wake up, wake up and smell the phosphorus
This is the room we keep the human hair
Don’t ask don’t tell it could mean a lot for us, yeah
A little less cash in the stash in the cupboard at the bottom of the stair(s?), money? honey

Wake up, wake up and smell the bacon
Run your greasy fingers through her hair
This is the life that you have taken

Just a line in the captains log
Just a whine from a rescue dog
Another kid didn’t make the grade
Come on honey it’s a fair trade
Wake up, wake up and smell the roses
Throw her photo on the funeral pyre, yeah
Now we can’t forget the threat she poses?
Girl you know you couldn’t get much higher

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.