(s)oil

Nei prossimi giorni è in uscita Earth, il nuovo album quasi-live di Neil Young.
Si tratta di un disco dal vivo registrato con i Promise of the real durante il tour dell’anno scorso al quale sono state aggiunte qua e là delle sovraincisioni con percussioni e cori e – cosa più evidente – dei rumori di animali tra le tracce e talvolta anche all’interno delle stesse. Il disco non è ancora uscito ma ci sono già in giro delle recensioni perché Neil ha inviato alle redazioni dei Pono (il lettore musicale Hi-Res prodotto da Neil Young) con delle cuffie da mille euro e il disco pre-caricato nel lettore. Insomma, si tratta della classica mossa “à la Neil Young”: prendi un’idea stramba, perseguila con convinzione totale, fregatene del giudizio altrui.

Neil Young ha rimosso da tempo da Spotify, Pandora e compagnia tutti i propri dischi ritenendo di non guadagnarci abbastanza e – sempre per rimarcare la differenza con Pono – che non venisse proposta una qualità audio abbastanza alta. Da un po’ di tempo a questa parte però ha pubblicato la propria intera discografia su Tidal, la piattaforma di streaming in alta risoluzione di Jay-Z. Ed è proprio su Tidal che ha caricato in anteprima due canzoni dal nuovo “Earth”. Una delle due è una versione di 26 minuti di “Love and only love”, nella quale ad un certo punto tra i deliri chitarristici vengono citati perfino i Pink Floyd.

Dato che non voglio costringervi ad iscrivervi alla demo di 30 giorni di Tidal come ho fatto io, potete trovare questa versione di “Love and only love” qui.

Qui invece c’è l’altro pezzo già diffuso, una languida Vampire Blues da quel capolavoro che fu On the beach.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.