Sottosviluppo web

Di fatto un sito web è un insieme di pagine statiche, codificate in HTML o derivati. Queste pagine vengono secrete da un motore retrostante scritto in un linguaggio di programmazione serio (ad esempio python) o pseudo-serio (ad esempio PHP), magari attraverso un meccanismo di templating. Poi però la pagina che viene prodotta non ha alcun legame con la logica che l’ha creata: non ci sono callback dirette al motore server-side, non ci sono meccanismi di azione diretti che possano essere descritti dal programmatore nel momento in cui sviluppa la logica.

La pagina HTML che viene prodotta è morta, inerte. E’ un documento il cui contenuto viene interpretato dal browser, in maniera talvolta creativa.

A questo punto la logica che deriva dall’azione dell’utente viene gestita in un altro modo: un linguaggio spesso diverso (solitamente javascript, ma potrebbe esserci qualche concorrente di cui non sono a conoscienza) intercetta le azioni dell’utente sul documento e letteralmente smanetta con i contenuti del documento stesso, creando dei nuovi pezzi o nascondendone di esistenti. Il risultato è una nuova pagina con contenuti diversi, il cui codice non era in alcun modo deducibile dal sorgente server-side che l’ha prodotto inizialmente. Il molti casi il js arriva a fare delle chiamate che portano a una nuova azione sul server e quindi alla produzione di nuovo materiale da pubblicare nel documento.

In tutto questo processo quindi la logica viene “spalmata”, gli algoritmi si disintegrano in una parte di logica precedente al documento e una parte, eventualmente, di risposta alle azioni dell’utente. Nel mezzo, come un monolito inerte e mutageno, sta il documento prodotto. D’altra parte le tecnologie web si sono evolute a partire da pagine HTML scritte a manina e per forza di cose la tecnologia si è spinta in questa direzione biforcuta.

Ora, magari sbaglio io (che magari ho una visione parziale e non conosco alcuni paradigmi di programmazione web) ma mi sembra tutto questo sia un abominio informatico che inevitabilmente rende grama la vita degli sviluppatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.