2019-02-07T20:42:33.000Z

Se “The Yes album” avesse una colorata copertina di Roger Dean anziché quell’orrida fotocomposizione con il manichino ora starebbe nella top three di qualunque appassionato di prog degno di tal nome. Invece, inspiegabilmente, è uno dei dischi più sottovalutati della band.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.