November 02, 2017 at 10:52PM

“Lo chiamiamo programma perché i bambini rimangono legati per anni al nostro ospedale” ci racconta Michela, coordinatore medico di Emergency in Sierra Leone, “quando i bambini ingeriscono la soda, si cicatrizza l’esofago e non possono più mangiare. Per questo motivo entrano ed escono dallo stato di malnutrizione e dobbiamo continuare a seguirli per molto tempo”.

La Sierra Leone è un paese molto povero: il sapone viene fatto con la soda caustica, solitamente nelle case, spesso baracche, in cui tutti vivono in un’unica stanza nella quale dormono, vivono e mangiano e per i bambini piccoli è molto facile scambiare la soda diluita per acqua da bere. Link: I bambini della soda in Sierra Leone: un programma unico di chirurgia e pediatria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.