Tongs

Sì vabbè, sono derivativi al massimo. Il primo pezzo è puro Tool, poi si avvicinano agli Alice in chains più granitici mentre nei momenti più elastici rimandano parecchio ai Primus. L’album però fila via che è un piacere e ci sono abbastanza idee da farli rimanere non troppo attaccati ai cliché; senza contare che sono italiani, ed è piacere sentire un gruppo nostrano che suona così.

Il finale, “Italian Politics”, è una specie di rifacimento di “Die eier von satan” ma in versione belpaese, con Pierpaolo Capovilla che declama una inquietante e metaforica ricetta della pizza. Un disco perfettamente inutile ma piacevole, la band è da tenere d’occhio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.